martedì 15 febbraio 2011

Biscotti cuori decorati con Ghiaccia Reale o Royal Icing




Per S. Valentino ieri ho voluto provare a fare questi biscottini decorati..ho cercato di avvicinarmi alla tecnica della Royal Icing,in rete ci sono molte ricette inerenti a questa tecnica,di origine anglosassone,e ogni volta che mi ritrovo di fronte a certi capolavori rimango a bocca aperta... è sicuramente un lavoro di tanta pazienza e soprattutto di precisione,ma io sono una gran testarda e quindi spinta anche dalla passione ho voluto comunque provare..





Ci sarebbe un'infinità di cose da scrivere sulla Ghiaccia Reale,e la mia esperienza è davvero blanda a riguardo,ma al momento mi limito a scrivere quel poco che ho acquisito ripromettendomi però di approfondire la questione..
La ricetta che ho usato è questa:

35 gr di albume
140 gr circa di zucchero a velo extra fine
1/2 cucchiaino di cremor tartaro
1 cucchiaino di glucosio

L'albume deve essere a temperatura ambiente e lo zucchero a velo quello comune in teoria non va bene,ce n'è uno apposta x questo tipo di lavoro,ovviamente non italiano,ma io sbirciando tra gli scaffali del supermercato ho trovato un buon escamotage e sarebbe quello della zefiro extrafine adatto a decorazioni con la glassa...c'è proprio scritto sulla confezione...ho provato a sentire la differenza tra quello "normale" di uso comune e questo ed effettivamente la differenza è notevole...serve extrafine perchè questo tipo di decorazione richiede beccucci dai fori piccolissimi,n 1,n 0 e n 00,e se ci dovesse essere anche solo il minimo grumo si otturerebbero e non si riuscirebbe a lavorare..x ovviare a questa cosa bisogna setacciare molto bene e più volte lo zucchero in modo da evitare il più possibile questo problema...il cremor tartaro invece serve a dare forza alla glassa in modo da poter fare anche decorazioni a sospensione senza rischio di rottura....
Io con delle fruste elettriche ho cominciato a montare l'albume con il cremor tartaro e mano mano ho aggiunto lo zucchero a velo setacciato,la consistenza ideale è quando alzando le fruste il ciuffo della glassa rimane ben dritto,a questo punto ho aggiunto un cucchiaino di di glucosio,ho continuato a sbattere ancora un paio di minuti e poi ho messo il composto in un contenitore con la pellicola a contatto e poi ben chiuso e fatto riposare tutta la notte...io per decorare mi sono servita di semplici conetti di carta forno a cui ho appena tagliato la punta...x colorarla ho usato coloranti in gel,quelli liquidi comprometterebbero troppo la consistenza...consiglio di usare conetti piccoli perchè ho notato che col calore della mano dopo un pò si modifica la stabilità della stessa...
Questo è quanto ho appreso alla mia prima esperienza...
La ricetta dei biscotti la trovate qui..


                                                                 PAG FACEBOOK


Anche con questa ricetta partecipo al contest di Cuocicucidici..


5 commenti:

EliFla ha detto...

Grazie per le spiegazioni, ma dimmi una cosa lo zucchero zefiro di cui parli è di un altro tipo rispetto a quello che si trova in commercio..o stiamo parlando dello stesso zucchero?? grazie e sei linkata alla ricetta 300!!!!

Buonanotte, Flavia

serena ha detto...

Io l'ho trovato al supermercato,è un barattolino da 125 gr,il colore della confezione è il classico blu e rosso dello zefiro,solo che in basso c'è prorio scritto che è adatto a decorazioni con la glassa,edeffettivamente io palpando lo zucchero a velo classico e questo ho sentito la differenza...
per farti vedere com'è la confezione guarda qua.. http://www.eridaniatateandlyle.com/media/documents/eridania_tl/schede_prodotto/largo_consumo/ZEFIRO_VELO.pdf
spero di essere stata utile...ciaoo

serena ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anna Luisa e Fabio ha detto...

Ma sei bravissima, che manualità e che eleganza.
fabio

serena ha detto...

Grazie Fabio..sei gentilissimo....io ce l'ho messa tutta anche se di strada da fare ce ne è davvero ancora tanta!!! ^_^ notte notte